Buon Natale

Avevo appena pensato che non avrei postato più nulla fino alla prossima settimana, magari raccontando il Natale come lo si mangia a casa delle mie famiglie.

Il vero dramma è che non ho finito i regali di natale e sono in pieno panico, in più mi è tornato il raffreddore e fuori fa freddo. E poi a me il Natale non piace, mi mette l'ansia (cosa non mi mette l'ansia?). Sono rimasta scottata da piccola. Genitori separati, seconde nozze, figlia unica, due stati, due maroni. Dopo un momento di splendore iniziale sono arrivati dei cuccioli di uomo nuovi che hanno rotto l'idillio e io mi sono improvvisamente ritrovata adulta senza averne diritto né sicuramente voglia.
[mi pare di aver già raccontato 'sta mena...]

Genitori siate intelligenti ed equilibrati (impossibile), che poi vi crescono come me. ;)

Insomma, il lunedì è già finito ed io non ho portato a casa nulla. Mi sta salendo il "panico da 23 dicembre".
Per distrarmi ho deciso di far fuori la dispensa, volevo eliminare tutte le confezioni aperte. Il progetto è iniziato e si è concluso con questo post. Per finire il cioccolato ho aperto la farina di mandorle, per far fuori i pistacchi ho aperto lo zucchero.
Però vi lascio un bel regalo di Natale, ça va sans dire che è un esperimento, ma mi rende il cuore gonfio di gioia (lo riconoscete il linguaggio Xmas friendly?) annunciarvi che finalmente inizio a sviluppare una minima sensibilità per le proporzioni: questo dolce è One shot - One kill, non mi ci sono allenata.


Ti piace se:
-hai una passione smisurata e quasi imbarazzante per il cioccolato fondente, leggi amaro.
-apprezzi i dolci umidi.
-allunghi sempre la forchetta, voluttuosamente, per 'un ultimo morso' prima di riporre i dolci.


Le quantità riportate sono per una teglia tonda diam. 18.

100 gr farina di mandorle
100 gr quinoa bollita, scolata e raffreddata
80 gr di zucchero semolato
45 gr cacao amaro
50 gr burro
50 gr di cioccolato fondente
2 uova
un  mandarino, succo e zeste
1 cucchiaino di lievito

Per la glassa
80 gr di fondente
due cucchiai di zucchero a velo

Per la granella
una manciata di pistacchi o mandorle
un cucchiaio colmo di zucchero

Sciogliere a bagno maria il cioccolato e il burro, insieme.
Accendere il forno a 180 gradi.
Tagliare un cerchio di carta da forno e foderare il fondo della teglia. Imburrare le pareti con parte del burro in ricetta.

In una ciotola versare quinoa, farina di mandorle, zucchero, le due uova (sbattute a parte), il zeste e il succo di un mandarancio o mandarino, il cacao setacciato con il lievito e infine cioccolato e burro fusi. Mischiare con una spatola. Versare nello stampo, infornare.

Granella
In una padella antiaderente versare lo zucchero e i pistacchi. Appena lo zucchero si scioglie e si caramella versare il tutto sulla carta da forno. Attenzione perché la temperatura ell zucchero a questo punto è simile a quella della lava. Una volta freddo spezzarlo e frullare con il pulse della consistenza che più piace.

Il mio dolce si è cotto in 25 minuti.
Non usate la prova dello stecchino perché il dolce deve restare umido. Al tatto la consistenza è soffice.

Lasciar raffreddare, sformare.

Glassa
A bagno maria sciogliere il cioccolato per la glassa con due cucchiai di zucchero a velo e tre cucchiai d'acqua. Se il cioccolato si rapprende è perché c'è poca acqua, aggiungere altra, poche gocce alla volta, continuando a girare.
Versare e spalmare sul dolce freddo. Aggiungere la granella.

Note
Sull'onda della sensibilità delle proporzioni... se avete una teglia di 22/25 cm, mi sento di suggerire di aggiungere il 25% di parte secca (farina di mandorle e quinoa) e il succo di un mandarino.
Io non amo i dolci dolci, questo è pure particolarmente ricco. Se lo volete normalmente zuccherato aggiungete 20 grammi di zucchero.
Per la glassa ho usato un cioccolato davvero amaro, da qui la necessità di usare lo zucchero a velo. Giocate con acqua e zucchero, secondo il vs palato.

Con la dovuta cautela (cacao in polvere e cioccolato) è una ricetta gluten free, ha pochi grassi o.O, poco zucchero e mooooolto affetto.

Buon Natale a tutti. Siate buoni, che conviene. ;)

41 commenti:

  1. Passione smisurata e quasi imbarazzante per il cioccolato fondente...cell'ho!
    Apprezzi i dolci umidi...oh yesssssssssssss!
    Allunghi sempre la forchetta, voluttuosamente, per 'un ultimo morso' ...se si tratta di cioccolato di sicuro :D!
    In questo periodo più che mai. C'ho l'ansia da Natale pure io! Voglio affogare in quella colata di cioccolato!
    Perchè non è già il 2 gennaio?

    Bella la trafila di aprire una cosa per finire l'altra :))
    Un bacio, buona settimana e...stop al raffreddore!

    RispondiElimina
  2. io?!? io sono trooooppo buona.. più o meno :-))) anche io tante volte per smaltire avanzi apro altre cose e così si crea una catena che non finisce più!!!! però dalla tua catena è nata una tortina fantastica.. ecco cosa posso fare con quel sacchetto di quinoa che ho comprato.. ma non so che farci!! per la passione del cioccolato vado a periodi, per i dolci umidi però ci sono sempre.. e anche per quelli che.. non è mai l'ultimo morso!!! sembra davvero buona!! allora merry christmas!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finché non usciamo a comprare nuovi ingredienti, per finire quelli che abbiamo, la faccia è salva... ;)

      Elimina
  3. Ho visto la foto si instagram e ora eccomi qui con una voglia spaventosa di questa torta!!!! Incredibilmente buona!!!
    E tranquillA sei in buona compagnia anche io sono in panico zero tempo e la maggior parte dei regali da fare e il menù di Natale che non c'è !!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh no, la para del menu di natale non l'avevo... fino ad ora. -_-
      In bocca al lupo!

      Elimina
  4. ...questo me lo devi assolutamente rifare! Lo prenoto per quando io e Robert verremo a cena!! Promettimelo!!!!

    Bacino
    L3

    RispondiElimina
  5. ciao!!!! ma come faccio per sostituire la quinoa? non so roprio dove trovarla...ma questo dolce mi sembra così buono!!! vorrei farlo ugualmente sempre se è possibile sostituire la quinoa! aspetto tue notizie...e comlimenti per il blog!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina, grazie! La quinoa la trovi sicuramente nei negozi bio, ma ultimamente anche i supermercati tradizionali la vendono, prova a chiedere!
      La caratteristica della quinoa è che è piccolina, ha un sapore molto delicato e dopo cottura rimane sgranata. Se penso ad un sostituto non mi viene in mente nulla di simile da poterti consigliare 'a cuor leggero'. Il riso è troppo appiccicoso, orzo/farro e simili hanno un chicco troppo grande, l'amaranto troppo piccolo, il miglio è molto più saporito e croccante...Se dovessi trovare una variante userei il cous cous, prova e mi sai dire com'è. Se sei paziente aspettiamo dopo Natale e provo io. ;)

      Elimina
    2. grazie!! prvo col cous cous e ti faccio sapere!!! ora che mi viene in mente...e se invece metto il burghul?ne ho un pacchetto aperto e nn so come usarlo!!! provo e ti dico!!! grazie per la tempestività!

      Elimina
  6. No dai, non hai ancora finito i regali?? E se non li trovi? E se quando trovi qualcosa che potrebbe andar bene finisce la taglia? E se non ci stanno in valigia? E se non piacciono e non li puoi cambiare? Hai tenuto gli scontrini? Ma come fai a dormire ancora??!

    Bella questa torta brava.
    E si vede che siamo sotto le feste, hai addirittura usato 50 gr di burro di cui tipo 25 andranno per la teglia.

    E mi piace anche moltissimo la quinta foto. Apprezzo quando fotografi interamente qualcosa.

    Ps comunque, ad avercene come te.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "No dai, non hai ancora..."
      Aaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh

      Se stai cercando di farti perdonare per aver vinto il contest della Roby, che mi spettava di diritto, apprezzo lo sforzo, ma fino a che non vedo i sott'oli non vai da nessuna parte.

      :*

      Elimina
  7. Ehi bella-fintabionda-grigia, ma lo sai che la tua delizia mi delizia!?
    Usi la quinoa (e adesso siamo finalmente un trio dato che tutte e tre abbiamo una ricetta con la quinoa sui ns blog), mi piacciono le torte umide e cioccolato fondente, hai fatto delle belle foto, il Natale ti fa venire l'ansia...ma tu sei proprio la blogger che cercavo!
    Sappilo che qs torta finirà presto sulla mia tavola :-)
    PS: ricorda di lavare sempre la quinoa per togliere la saponina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarei onorata di sapere che replichi una mia ricetta. Questa posso proprio dire che è 'mia'. hihihi

      Adesso mi informo su 'sta storia della saponina e poi integro le info. Grazie.

      Elimina
  8. Uhm...io per scacciare l'ansia da regali natalizi mi sono trasformata in una specie di nonna Papera: forno sempre acceso, un bel grembiulino sporco di farina, le mani impantanate in burro e uova e grande sex appeal... Era meglio l'ansia da regali!
    Vabbè (espressione fortemente sicula), se la metti così, comprerò la quinoa...

    RispondiElimina
  9. oramai a montersino gli fai na p...a con tutto questo proporzionare... mandiamolo a casa va che oramai è da pensione e al posto tuo la prossima stagione la fai tu, che mi sà che daresti alla trasmissione un taglio maggiormente ironico... però senti, da bambina traumatizzata dal divorzio a bambina traumatizzata dal matrimonio tenuto insieme con la colla dell'odio (io), il natale fa schifo! però c'è un però, quando poi la famiglia te la fai tu e i figli sono tuoi, nonostante l'assoluta impossibilità alla perfezione e all'equità assoluta, c'è la speranza della redenzione, di dare agli altri quel che non hai avuto tu, di vedere faccini rapiti da un'estasi sconosciuta, e fai pace col Natale. la tua torta invece, mi sa che mi farebbe fare la pace con la vita... baciiiii e buon natale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi devo fare dei bambini? -_-
      Per Natale non ce la faccio. ;) Mi accontento della torta per quest'anno. :*

      Elimina
    2. ok, fino al prossimo anno posso aspettare, mi rendo conto dei tempi tecnici necessari...
      Buon natale

      Elimina
  10. Dal 24 novembre al 24 dicembre (escluso) sono in fioretto di dolci...quale migliore ricetta per premiare la mia costanza/impegno/coerenza?!?!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te la faccio io di persona personalmente!
      Buon Natale carini!! Tanti baci

      Elimina
  11. ma perchè fare fuori le confezioni aperte per creare una magnificenza quando tra 2 giorni finisce il mondo?? AUGURIIII!! passa delle buone e riempiti la panza!

    RispondiElimina
  12. Cara Cibo for me, io detesto la buche. La detesto proprio tanto e quando mi hanno proposto di presentarla per l'OPEN mi son sentita male perchè cucinare qualcosa che non piace non è mai gradevole quindi ho deciso di farla alla mia maniera. Odio la texure di rotolone, di impasto ciambelloso umido. Questa genoise invece è alla cioccolata bianca e il ripieno di castagne è generoso e isolato da nutella croccante. Non ti dico di provarlo per forza ma ti dico che ne è valsa la pena e a me è piaciuto molto! Disons que la bûche de Monique tu peux l'essayer sans doute!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora gli do una chance! ...per questioni stagionali devo aspettare natale 2013. Sono stata in letargo, non a mangiare, giuro! ;)

      Elimina
  13. Cara.. si, rientro in quella categoria! E questo cioccolato che cola sopra mi ha fatto quasi venire voglia di leccare lo schermo! Sono chocolate addicted, è inutile! Una torta divina, morbida e gustosa..! Bravissima, la tengo beeen presente!
    Grazie di essere passata da me, è un piacere conoscerti! Per il Natale ti capisco.. anche io, a causa del mio passato, mi intristisco di questi tempi e un po' provo malinconia e dolore. Ti auguro però ogni bene..

    p.s. si, i racconti sono miei, li scrivo io! :) Nel pomeriggio risponderò a tutti i commenti ma volevo ringraziarti in anteprima! :) Un abbraccio stretto!

    RispondiElimina
  14. ti leggo sempre in silenzio, tanti dolcissimi auguri di cuore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazieee!!! Scusami se rispondo solo ora, spero che il tuo Natale sia stato delizioso!

      Elimina
  15. Che meraviglia, deve essere davvero super!
    Maria

    RispondiElimina
  16. eccomi. mangiata, rotonda, e pronta per farti gli auguri. a sto punto, se i regali di Natale ancora non li hai presi, direi che sei fritta. invece per il Capodanno... sei pronta??? o sei ansiata??? eh no eh! ansiata proprio non ci sta! almeno a Capodanno no! a me sta quinoa mi intriga, prima o poi mi deciderò a provarla? chi lo sa. intanto, buon 2013! a presto, Sere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!! Buon anno anche a te! In ansia per Capodanno proprio no. Dalle pic di Instagram mi vedi fumare una stella filante vestita in pigiama, quindi no, il Capodanno è stato l'ultimo dei miei problemi... ;)

      Elimina
  17. ...una favola...ma se ne riparla tra qualche mese, giusto il tempo della Quaresima per rientrare nei jeans...
    Non voglio metterti ulteriori ansie, ma a quando un nuovo contest tuo e delle tue compagne di merenda? Forse per Pasqua? Oltre che delle tossine alimentari, avrei bisogno di eliminare anche qualcos'altro...tanti auguri sentiti e a affumicati (ho dato fuoco a tutte le foglie del giardino...e puzzo tanto, ma tanto..)
    Cristiana

    RispondiElimina
  18. carlottalimina9 gennaio 2013 16:19

    Cos'è lo zeste? E mi aggiungo a un commento sopra.. In merito al quinoa. All'Esselunga non ce l'hanno e da Natura Bio sono stata e non ce l'avevano.
    :(
    Devo provare subito a farla, è incredibile! Mi fa venire fame solo a guardare le foto!!

    RispondiElimina
  19. Al Natura Bio non c'è???? Hai chiesto e ti han detto che non c'è? Li hai insultati? ;)
    Purtroppo non sono molto ferrata in supermercati italiani ma ti invito a non mollare, non fosse altro per una questione di moda, arriverà anche all'Slunga!
    Zeste identifica la buccia grattugiata degli agrumi, la scorza colorata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. carlottalimina14 gennaio 2013 15:53

      L' ho trovata al centro commerciale coop (uno dei più grandi che c'è qui a Firenze) dopo vari giri a vuoto.
      Poi avevo a casa la polvere d'oro Manetti e ce l'ho aggiunta sopra la glassa, faceva uno splendido effetto abbinata al colore del cioccolato fuso e della granella!
      Comunque la ricetta è una bomba :)

      Elimina
    2. L'hai provata davvero? Quindi funziona? hiuff! ;)

      Elimina
    3. carlottalimina18 gennaio 2013 12:34

      Oh yess ;)

      Elimina
  20. Per dirtelo nell'unica maniera efficace che io conosca: "me fai taja'". Zompetto qua e là tra i tuoi articoli come una ape in cerca di miele a primavera, e quindi era doveroso per me affidarti l'affidabilità...(http://www.incucinaconmeg.com/2013/01/ti-puoi-fidare-di-me.html)
    Ciaooo! :)

    RispondiElimina
  21. Ciao Meg, a breve sui questi schermi per il ringraziamento ufficiale!
    Intanto GRAZIE qui!

    Sarah

    RispondiElimina