L'estate in un frutto

Fermati e pensa:
Cosa c'è di più fico di avere 8 anni e una pistola ad acqua in mano nel mese di luglio?
Ricorda la sensazione di eccitazione allo stomaco e la rincorsa con gli amici.

Vi sfido.
Comunque secondo me vi si è alzato l'angolo della bocca, in abbozzo di sorriso, tanto ho ragione! ;)

Le mie estati venete, quando abitavo al mare tutto l'anno e trascorrevo le vacanze in campagna, erano coronate dai pasti della nonna. E se dicono che al sud si mangia abbondantemente in tutte le stagioni è perché non hanno mangiato a casa di una nonna al nord. Alla fine siamo tutti uguali, insomma.

Uno dei ricordi più profumati è questo.


Veloce e semplice.
Pesche gialle, mature ma sode.
Tagliare a metà la pesca cercando di incidere nel senso opposto alla rottura del nocciolo.
In una padella/pentola con coperchio mettere mezza noce di burro e un cucchiaio colmo di zucchero. Adagiare le pesche, polpa sullo zucchero e cuocere a fuoco vivace fino a che il caramello prende colore.
Girare le pesche, aggiungere qualche cucchiaino di succo di limone (soprattutto per far risaltare il colore) e qualche cucchiaio di acqua. Coprire e lasciar cuocere a fuoco basso fino a che son cotte (circa 15 minuti, per me quando la lama di un coltello entra senza resistenza), ma compatte. Di tanto in tanto bagnare con il sugo di cottura e se si asciuga troppo non esitare ad aggiungere dell'acqua, poca alla volta.
A fine cottura trasferire in un contenitore e aggiungere una manciata di amaretti, sbriciolati ed interi.

Servire a temperatura ambiente o leggermente fresco. Top.

A domani :)

7 commenti:

  1. Che ricordo bellissimo.. si, ha proprio il profumo dell'infanzia e di una cara nonna, questa pesca aromatica e succosa. <3 Sei troppo bella, davvero. Mi hai regalato un sorriso con i pistoloni ad acqua e le nonne del nord.. :) <3 Bacione tesoro.

    RispondiElimina
  2. E' uno dei miei dolci preferiti...Semplice e sa di casa.
    E condivido quello che hai scritto: non solo al sud si mangia divinamente ;)

    http://chez-alessandra.blogspot.it/

    RispondiElimina
  3. Non solo nonne ma anche mamme. Mia mamma prepara(VA) per 15 fino a qualche anno fa, ora l'ha (quasi) capito. Però lei in cucina è una maestra.
    Le pesche le conosco, io le preparo leggermente differenti.
    Ciao S.

    RispondiElimina
  4. Per me la pesca è diventata il frutto della mia estate 2013. Non so perché ma le sto preparando in tutte le salse. Ora proverò anche le tue pesche dei ricordi.

    RispondiElimina
  5. Ciao mi chiamo Tiziana trovo questo tuo blog molto interessante originale e ricco di consigli utili in cucina. Creare in cucina è un dono che dobbiamo sempre sfruttare al massimo e dalle tue ricette leggo che sei molto molto brava.Da oggi sono una tua follower. Mi farebbe piacere se anche tu passassi da me per diventare mia lettrice fissa e regalarmi qualche consiglio per questa mia nuova avventura nel web. Ciao http://lacucinadipitichella.blogspot.it

    RispondiElimina
  6. Ciao mi chiamo Tiziana trovo questo tuo blog molto interessante originale e ricco di consigli utili in cucina. Creare in cucina è un dono che dobbiamo sempre sfruttare al massimo e dalle tue ricette leggo che sei molto molto brava.Da oggi sono una tua follower. Mi farebbe piacere se anche tu passassi da me per diventare mia lettrice fissa e regalarmi qualche consiglio per questa mia nuova avventura nel web. Ciao http://lacucinadipitichella.blogspot.it

    RispondiElimina
  7. wow!!! ha un aspetto invitante davvero irresistibile, felice di averti incrociata oggi se ti va vienimi a trovare ciao rosa
    kreattiva

    RispondiElimina