Il polpo è giusto!

Breve post di chiusura argomento.
Tanto per orgoglio, ché sembra che non ne faccio mai una buona... ;)

Una parte della bestia, era stato dichiarato, sarebbe finita nel freezer. Ma io le cose nel freezer le dimentico se non le consumo in fretta. Così già qualche giorno dopo ero tornata sul pezzo.

Questa volta sono stata bravissima. Ho seguito tutti i consigli e tutti i nonconsigli e devo ammettere che, anche qui, la pratica e l'esercizio hanno fatto la differenza.


Ho proceduto così:
inserito in una pentola ancora congelato e ricoperto di acqua acidulata, fatto bollire. L'ho lasciato raffreddare -come sempre- nel suo stesso brodo, ma a differenza del solito non ho aspettato che fosse morbidissimo, l'ho spento appena al dente.
Una volta freddo l'ho tagliato a pezzi non troppo piccoli e ripassato in una padella con olio, rosmarino, qualche foglia intera di prezzemolo e mezzo pomodoro a dadini. Fuoco vivace, l'ho lavorato come fosse sulla griglia. Salare dopo cottura, travasare in un contenitore.
L'ho servito tiepido, con della quinoa precedentemente bollita e fatta saltare nella padella appena usata per il polpo.



15 commenti:

  1. Risposte
    1. Ciao Francy! Grazie grazie grazie! :) :) :)

      Elimina
  2. Risposte
    1. Grrr...
      Non hai nemmeno apprezzato un pochino che l'ho chiamato polpo? Ho fatto talmente fatica che è quasi sempre stato un soggetto sottinteso...

      Elimina
    2. certo che ho apprezzato! anche il fatto che FINALMENTE abbiamo risolto il mistero della cottura!
      ti farei un monumento.

      Elimina
  3. Bwh, vedo passi avanti: dal polpo di legno a polpo alla griglia cotto in padella. Mi sa che al prossimo giro ci troviamo un polpo al vapore cotto nel freezer :-)
    Cmq l'aspetto è davvero invitante, non oso pensare cosa farai con il pandoro ;-) eheheeh!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Supermegaextraesageratamente antipatica. Ahahah
      No, non é vero. O si? ;)
      Ti stupiró con Affetti speciali. Ciao miscredente!
      Riditela va...
      Bacio

      Elimina
  4. posso dire una cosa???? io ho il tuo stesso rapporto col polpo ma questo fa voglia anche di mattina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valentina, leggere una cosa carina mi serviva...! ;)

      Elimina
  5. ho finalmente capito perchè i miei polpi fanno schifo... grazie di cuore. Post utilissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo buona Lara! Cotanta scienza ;) è frutto di faticose sessioni di lotta a mani nude e sedute ipnotiche. Ma ce la si fá! ;)

      Elimina
  6. Il polpo mi ricorda quelli che prendeva mio padre in pesca notturna :) li riportava a casa ancora mezzi vivi!

    Marco di Una cucina per Chiama

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mezzi sì, vivi no! ;)
      Che fico però! E davvero bel ricordo, qualcosa mi dice fosse anche buono.
      Grazie per la visita, nel w.end panineró. Ci vediamo presto da voi!
      Buon w.end!

      Elimina
  7. Ho una certa passione per le persone che, come me, si autoadulano. Sei stata bravissima. Sei bellissima. Sei pure intelligentissima. E anche grandissima.
    Questo poLpo (bravissima anche per questo) ha l'aria buonissima e delicatissima. Poi con la quinoa: leggerissimo.
    Credo di aver detto tutto.
    Ah dimenticavo, nel prossimo post sarò cinica e temibile, don't worry. La saga di Lilly e il Vababondo é finita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento, visibilmente sincero e accorato, deve essere la coda di quell'ultima scia d'amore che vi ha circonda fino ad ora. E io porto a casa! Baci

      Elimina